mercoledì 21 febbraio 2018

BUON COMPLEANNO | Novità del 2018 e tanto amore


Ebbene sì, anche il mio blog sta cominciando a diventare un vecchietto! Esattamente un anno fa, verso le 6 di sera, ho pubblicato la mia prima recensione. Non era la mia prima esperienza di blogging, né di recensore, ma è stato il primo passo di un processo di crescita.

Nel corso di questo anno ho riscontrato notevoli miglioramenti, non tanto nel mio essere una lettrice quanto nel mio essere una blogger. Ho capito che alcuni contenuti mi piacevano più di altri e così, dopo rubriche "di prova" e tentativi, ho cominciato a focalizzarmi solo su alcuni argomenti. Ho colto maggiormente l'importanza di una buona estetica nel sito e nei canali collegati. Soprattutto, però, ho imparato che nessun blog è un'isola. Con alcuni colleghi e colleghe mi sono trovata coinvolta in un mondo molto più ampio e complesso di quanto credessi, ho conosciuto persone meravigliose e imparato (a mie spese, talvolta) che quello dei lit-blog è un universo tanto bello quanto competitivo.

Un grazie va a tutte le persone che mi hanno aiutata a crescere in questo primo anno! Spero sia solo il primo di molti altri a venire! Grazie

MA VENIAMO ALLE NEWS

Come è già successo a settembre, quando dopo la pausa di agosto avevo introdotto nuovi elementi nel blog e cestinato quelli vecchi che non funzionavano, ho deciso di fare la stessa cosa per festeggiare il compleanno (oltre che per soddisfare la mia angoscia da riordino) e di cambiare un po' le carte in tavola. Vediamo come.

Ho deciso di coinvolgere il mio compagno Charlie in alcune sezioni del blog: lui è un grande appasionato di graphic novel e da ora in avanti si occuperà di argomenti inerenti a questo prodotto, con recensioni, bookish chat e rubriche tutte sue. I suoi post saranno contrassegnati dalla presenza di questo banner: 

Di conseguenza è stata aperta una nuova sezione, questa qui, in cui raccogliere le recensioni scritte da lui, e creata una nuova etichetta, #grafica-mente, per permettervi di trovare più facilmente i suoi post.

Un'altra news che vorrei introdurre sono dei video sulla pagina Facebook del blog. Come vi ho detto spesso non è mia intenzione aprire un canale (se mai dovessi farlo non sarebbe sui libri, in ogni caso), ma allo stesso tempo mi rendo conto che la comunicazione via video è molto più immediata e molto più chiara rispetto a quella via blog. Con ciò io amo i blog, ne leggo tanti e mi fa piacere vedere che anche voi mi leggete abbastanza, quindi non passerò mai da questa forma all'altra, ma penso che qualche video breve su Facebook possa essere un modo divertente per mostrarvi quei lati di Reading in the T.A.R.D.I.S. che altrimenti non emergono. Tra l'altro tra pochi mesi finalmente potrò avere una libreria tutta nuova e sarebbe divertente girare un bookshelf tour da condividere con voi!

La sezione ABOUT e la sezione CONTATTI si fondono: ora vi basterà andare su ABOUT per trovare tutte le informazioni necessarie non solo su di noi, ma anche su come contattarci e seguirci sui rispettivi social.

Viceversa, ho deciso di cestinare la rubrica For vintage sake!, l'ho coltivata davvero poco e, come con tutte le piantine poco seguite, è marcita e ora va buttata. Mi sono resa conto che sarebbe una rubrica perfetta se io avessi un canale youtube, oppure se decidessi di trasferirla su Instagram, perché parlarvi di libri usati mostrandoveli avrebbe senso, mentre farvi un semplice elenco qui sul blog non ne ha. Onestamente me la lascio alle spalle senza drammi, quindi evidentemente non era così fondamentale.

THE END

sabato 17 febbraio 2018

RECENSIONE | "Tutti schiavi in Portogallo" di Andrea D'Angelo

Buongiorno lettori! Non so se vi ricordate, ma parecchi mesi fa per inaugurare la rubrica Biblioteche dal mondo siamo volati in Portogallo, per vedere la Biblioteca Joanina. Non sono mai stata in questo splendido paese e nell'attesa di poterlo visitare in carne ed ossa ho deciso di concedermi un viaggetto a Lisbona con la mente e il cuore grazie a Tutti schiavi in Portogallo, un romanzo di Andrea D'Angelo. Ecco i dati e la copertina, poi passiamo alla recensione!


Tutti schiavi in Portogallo
di Andrea D'Angelo
Ed: Ofelia Editrice - 169 pagine
Ebook6.49 euro - Brossura: 13.00 euro

Da qualche anno, Marta vive a Lisbona. Partita con un sogno da realizzare, si è ritrovata a lavorare in un call center, lavoro che non ama particolarmente, ma che le permette di guadagnare il necessario per vivere dignitosamente nella capitale lusitana. Tanti sono i dubbi che si affollano nella sua testa: si sente a casa in Portogallo? Perché ha accettato un lavoro che avrebbe potuto fare anche in Italia? È quello il posto ideale per realizzare il suo sogno? Una serie di storie e di eventi la tengono legata quasi indissolubilmente a Lisbona. Tra pulsioni istintive e inevitabili sbagli, Marta rincorrerà la risposta alla sua fondamentale domanda: cosa l'ha portata realmente a Lisbona?
Molto bello!

Ah, il Portogallo. Si trova nella mia travel bucket list da qualcosa come sempre e, se per il momento devo accontentarmi di visitarlo solamente con l'immaginazione, Tutti schiavi in Portogallo è un buon modo di partire. Si tratta in realtà di qualcosa che non è esattamente un'ode al Portogallo. Entriamo in modo piuttosto rapido nella mente di Marta, una persona con le giuste complessità caratteriali che comincia a farsi domande sulla sua vita all'estero. Devo confessare che mi aspettavo qualcosa di già visto, qualcosa come Da qualche parte del mondo in cui il tema del trasferimento all'estero si fa pesante come un macigno. In realtà l'immagine che emerge è estremamente soggettiva, non è un semplice punto di vista dell'autore bensì un'interiorizzazione da parte di Marta di una situazione che diventa scomoda nel suo particolare caso. Non è un paradigma, ma una specificità.

Buona l'interazione con il lettore. D'Angelo si rivolge direttamente a chi sta tenendo in mano il suo libro. Si tratta di un elemento favolistico che però qui funziona molto, è come se stesse raccontando la storia proprio a noi e non a qualcun altro. Mi è parsa una bellissima scelta narrativa, non penso di averla mai vista in un romanzo di narrativa per adulti (se escludiamo i testi scritti prima del 1920 o giù di lì), quindi per me è un assoluto punto a favore.

L'ambientazione è splendidamente resa, è una descrizione di Lisbona molto suggestiva in cui i paesaggi fisici si fondono con quelle che sono le emozioni di Marta: abbiamo modo di scoprire la città in un modo un po' differente dai racconti di viaggio e nelle stesse righe scopriamo anche la protagonista e i suoi dubbi. Non è una spiegazione strada per strada, monumento per monumento di cosa si può vedere a Lisbona, ogni scorcio viene presentato in base a come Marta lo vede e a cosa significa per lei. Mi è piaciuto moltissimo, sono rimasta estremamente contenta di questa scelta.

Anche lo stile è davvero buono. Al di là di quanto dicevamo prima sull'interazione con il lettore, D'Angelo dimostra di essere piuttosto navigato in questo lavoro. Le frasi scorrono incalzanti senza che ci sia la necessità di ricorrere a quelle frasi ad effetto a fine capitolo che ti costringono ad andare avanti. Qui la voglia di proseguire arriva grazie alla naturale fluidità delle parole. "Irresistibile scioglievolezza", come diceva quello. Chapeau, difficilmente si sarebbe potuto fare meglio.

In conclusione, abbiamo un punteggio quasi pieno: quattro su cinque. Sono stata contentissima di aver affrontato questa lettura, è un libro che mi ha arricchito e che probabilmente rientrerà nei libri migliori del 2018.

venerdì 16 febbraio 2018

SEGNALAZIONE | Février Rouge - evento gratuito


Mancano pochi giorni a un evento unico nel suo genere in Italia: il Février Rouge, che quest'anno giunge alla sua seconda edizione.
Di cosa si tratta? È una convention di due giorni che avrà come argomento il Romance in tutte le sue declinazioni: dallo storico al contemporaneo, dall'erotico al romantico, dal dark all'M/M, per arrivare anche al fantasy. Parteciperanno numerosi autori e autrici italiani, che pubblicano sia con case editrici che in self publishing.
Grazie al patrocinio del Comune di Sissa Trecasali, l'evento è gratuito, quindi accorrete numerosi! Vi aspettiamo Sabato 17 e Domenica 18 Febbraio presso la sala Civica di Trecasali. Il programma inizia alle 14.30 del sabato ed è molto inteso. Scorrete in basse per scoprire in cosa consisterà.


Se amate il Romance, 
non potete per nessuna ragione perdere questo evento.
Vi aspettiamo!